Centro funzionale
Notizie

19 settembre 2017 - Agosto 2017 secco e molto caldo
In Piemonte il mese di agosto 2017 è risultato il secondo più caldo dopo l'eccez...

15 settembre 2017 - Disponibili nuovi bilanci idrologici per i corsi d'acqua piemontesi
Dal mese di settembre sono disponibili i nuovi bilanci idrologici aggiornati al ...

14 settembre 2017 - Fine settimana perturbato. Il video per l’escursionista
Sarà un week-end all’insegna della variabilità, con nubi alternate a schiarite e...

14 settembre 2017 - Sisma Ischia: il piemontese "ERIKUS" utilizzato nel rilevamento dei danni
In occasione dell’evento sismico del 21 agosto scorso, che ha colpito l’isola di...

13 settembre 2017 - Temporali: previsione e prevenzione dei rischi
Quando l’unione fa la forza. Unione è la prima parola del Progetto URAMET – Unio...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web

Novità nel sito

08/09/2017 Disponibili gli ultimi aggiornamenti della Banca Dati Meteorologica e della Banca Dati Idrologica

21/09/2017 E' online il nuovo VIDEO aggiornato con le previsioni meteorologiche per il 23 e 24 settembre in Piemonte!


03/05/2017 Aggiornate le elaborazioni dei GRADI GIORNO relativi al semestre ottobre 2016 / aprile 2017

21/04/2017 E' online l'ultimo video sulle condizioni nivo-valanghive in Piemonte con alcune raccomandazioni valide per le escursioni tardo primaverili


Rischi » Rischio Idrogeologico » Frane superficiali » Scenario attuale
 

FRANE SUPERFICIALI - Valutazione emessa il 21-09-2017 alle ore 12:00 e valida 36 ore

SCENARIO ATTUALE

Nota: Non si evidenziano probabilità significative per l'innesco di frane superficiali.

 

Probabilità di innesco
 
Nulla da segnalare
 
 
Inneschi isolati di frane
superficiali e/o fenomeni 
           di ruscellamento diffuso
 
 
Inneschi poco 
diffusi (<10/km²)
di frane superficiali
 
 
Inneschi 
diffusi (>10/km²)
di frane superficiali
 

 

La valutazione sulla probabilità di innesco delle frane superficiali in Piemonte è operata quotidianamente dal Centro Funzionale sulla base delle simulazioni prodotte dal modello SMART. Per le frane superficiali il modello SMART distingue due macrozone, denominate “Zone Omogenee”, caratterizzate da due differenti set di soglie. L'intersezione tra le suddette Zone Omogenee e le zone di allerta del Sistema di Allertamento Regionale produce delle aree elementari dedicate alla sola pericolosità per frana superficiale Approfondimenti.