Centro funzionale
Notizie

19 settembre 2017 - Agosto 2017 secco e molto caldo
In Piemonte il mese di agosto 2017 è risultato il secondo più caldo dopo l'eccez...

15 settembre 2017 - Disponibili nuovi bilanci idrologici per i corsi d'acqua piemontesi
Dal mese di settembre sono disponibili i nuovi bilanci idrologici aggiornati al ...

14 settembre 2017 - Fine settimana perturbato. Il video per l’escursionista
Sarà un week-end all’insegna della variabilità, con nubi alternate a schiarite e...

14 settembre 2017 - Sisma Ischia: il piemontese "ERIKUS" utilizzato nel rilevamento dei danni
In occasione dell’evento sismico del 21 agosto scorso, che ha colpito l’isola di...

13 settembre 2017 - Temporali: previsione e prevenzione dei rischi
Quando l’unione fa la forza. Unione è la prima parola del Progetto URAMET – Unio...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web

Novità nel sito

08/09/2017 Disponibili gli ultimi aggiornamenti della Banca Dati Meteorologica e della Banca Dati Idrologica

21/09/2017 E' online il nuovo VIDEO aggiornato con le previsioni meteorologiche per il 23 e 24 settembre in Piemonte!


03/05/2017 Aggiornate le elaborazioni dei GRADI GIORNO relativi al semestre ottobre 2016 / aprile 2017

21/04/2017 E' online l'ultimo video sulle condizioni nivo-valanghive in Piemonte con alcune raccomandazioni valide per le escursioni tardo primaverili


Approfondimenti » Vigilanza Meteo » Incendi boschivi » Livelli pericolo
 

Livelli di pericolo

L’output dell’indice FWI è un valore numerico che, al fine di rendere esecutiva la previsione del pericolo incendio, deve essere identificato con un livello di pericolo. Per questo motivo i valori di FWI devono essere rapportati con il livello di pericolo incendio ottenuto utilizzando una suddivisione in classi.


Ai fini operativi è stato deciso di suddividere il pericolo in 5 LIVELLI:

• molto basso

• basso

• moderato

• elevato

• molto elevato

 

 

Le soglie di FWI, che definiscono le classi, sono state stabilite utilizzando la metodologia descritta da Van Wagner (1987).
I dati di partenza, utilizzati per la definizione delle classi di allerta, sono i valori storici di FWI calcolati a partire dai dati di temperatura, umidità relativa, velocità del vento e precipitazione cumulata registrati giornalmente alle 12 UTC e relativi periodo 2002-2006. All'interno della sequenza di FWI ottenuta, si deve decidere il numero di giorni che dovrebbero essere permessi in una stagione in media, in cui il rischio incendi sia “molto elevato” ed impostare il limite più basso della classe “molto elevato”.

 

 

 

 

 

 

 

    Vai alle mappe del pericolo previsto