Centro funzionale
Notizie

21 febbraio 2018 - Dal fine settimana brusco calo delle temperature
Un minimo depressionario di origine polare è presente sul Tirreno e caratterizze...

20 febbraio 2018 - Fiume Bormida: indagine 2017 post alluvione
Nel corso del 2017 Arpa Piemonte ha condotto uno studio approfondito sulla salut...

16 febbraio 2018 - Pericolo valanghe - Nuove deboli nevicate con venti moderati: attenzione ai lastroni da vento
Nella giornata di giovedì si sono verificate nuove nevicate sulle creste di conf...

15 febbraio 2018 - Weekend nuvoloso con neve debole in montagna. Il video per l’escursionista
Il fine settimana che ci attende sarà tendenzialmente nuvoloso, con neve debole ...

9 febbraio 2018 - Da domenica intensificazione dei venti, pericolo valanghe in aumento
La settimana in corso è stata caratterizzata da spiccata variabilità: a partire ...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

16/02/2018 E' online l'ultimo video sulle condizioni nivo-valanghive in Piemonte per il fine settimana del 17-18 febbraio 2018

15/02/2018 E' online il nuovo VIDEO aggiornato con le previsioni meteorologiche per il fine settimana del 17-18 febbraio 2018 in Piemonte


15/11/2017 Consultabile il 'Rendiconto nivometrico' della stagione invernale 2016-2017

30/10/2017 Disponibili nuovi OPEN DATA sul clima nella sezione dedicata >

08/09/2017 Disponibili gli ultimi aggiornamenti della Banca Dati Meteorologica e della Banca Dati Idrologica

03/05/2017 Aggiornate le elaborazioni dei Aggiornate le elaborazioni dei GRADI GIORNO relativi al semestre ottobre 2016 / aprile 2017
GRADI GIORNO relativi al semestre ottobre 2016 / aprile 2017


Tematismi » Clima » Sguardo » Temperature
 

Temperature

Confronto e valutazione globale dell'andamento previsto delle temperature medie su Piemonte ed Europa per i prossimi mesi.

 

AGGIORNATO al 6 Febbraio 2018

 

Anomalia di temperatura media a 2 metri prevista (mappe medie mensili del ECMWF)

Febbraio 2018

Marzo 2018

Aprile 2018

 

  Febbraio 2018 Marzo 2018 Aprile 2018
ECMWF   =
NOAA =

 

Le mappe previsionali mensili di questo mese appaiono alquanto diverse da quelle di un mese fa, almeno al primo sguardo.

Infatti ora indicano un’anomalia termica negativa già per il corrente mese di Febbraio, rafforzando quindi il graduale raffreddamento indicato il mese scorso e anticipando così quello atteso (un mese fa) per Marzo.

Un’anomalia barica negativa (sia in quota che negli strati più bassi fino al suolo) sul Mediterraneo occidentale (di riflesso alla contemporanea risalita dell’anticiclone sulla Scandinavia) è il segnale della discesa di una bassa pressione polare o nord-atlantica sul sudovest d’Europa, foriera di aria fredda nordica su buona parte del continente europeo fino alle sue latitudini più meridionali, mentre aria più mite rimane lontana al largo dell’Atlantico o a sudest (oltre al Mar di Norvegia).

Questo raffreddamento, già occorso, ma solo in parte e in maniera piuttosto altalenante, nella prima parte di Febbraio, proseguirebbe nel corso del mese, con un più probabile inasprimento verso la fine del mese, quando andrà così ad influenzare anche l’andamento termico di Marzo.

In tal modo il ‘freddo’ annunciato fino al mese scorso per Marzo, che viene ora attenuato dalle nuove indicazioni in tabella, in realtà almeno nella prima parte del mese manterrebbe ancora temperature inferiori alla media climatologica marzolina.

Infatti l’anomalia barica negativa di Febbraio si attenua decisamente a Marzo, tuttavia il disegno (in particolare con un’anomalia positiva sull’Europa nord-orientale, anche al suolo) rimarrebbe ancora favorevole all’intrusione di correnti fredde da nordest verso l’Europa centrale e l’Italia.

Il progressivo riscaldamento si sentirebbe di più ad Aprile, quando le temperature potrebbero già salire lievemente al disopra della media climatologica, ma tali indicazioni per l’ultimo mese sono ovviamente meno affidabili.

 

  F-M-AM-A-MA-M-G
ECMWF
MET Office =
IRI = =
NOAA = =

 

Su base trimestrale mobile, la difficoltà di trarre qualche conclusione sensata aumenta.

ECMWF al primo trimestre (F-M-A) rimane ancora troppo condizionato dall’iniziale anomalia termica positiva di Gennaio, cosicché il raffreddamento atteso (come spiegato sopra) per la fine dell’Inverno appare solo nel secondo trimestre (M-A-M). Comunque, in generale ricordando anche le previsioni dei mesi scorsi, si può continuare a credere in una partenza della Primavera, che segua ancora una fine dell’Inverno, fredda, mentre un riscaldamento primaverile potrebbe giungere in ritardo (seppur magari con sbalzi termici postivi anche accentuati) solo nel corso della stagione primaverile.

 

Vai alle Precipitazioni