Centro funzionale
Notizie

21 settembre 2017 - Nuvoloso sabato, più soleggiato domenica. Il video per l’escursionista
Il weekend sarà all'insegna della variabilità, più instabile sabato e meno nuvol...

19 settembre 2017 - Agosto 2017 secco e molto caldo
In Piemonte il mese di agosto 2017 è risultato il secondo più caldo dopo l'eccez...

15 settembre 2017 - Disponibili nuovi bilanci idrologici per i corsi d'acqua piemontesi
Dal mese di settembre sono disponibili i nuovi bilanci idrologici aggiornati al ...

14 settembre 2017 - Fine settimana perturbato. Il video per l’escursionista
Sarà un week-end all’insegna della variabilità, con nubi alternate a schiarite e...

14 settembre 2017 - Sisma Ischia: il piemontese "ERIKUS" utilizzato nel rilevamento dei danni
In occasione dell’evento sismico del 21 agosto scorso, che ha colpito l’isola di...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web

Novità nel sito

08/09/2017 Disponibili gli ultimi aggiornamenti della Banca Dati Meteorologica e della Banca Dati Idrologica

21/09/2017 E' online il nuovo VIDEO aggiornato con le previsioni meteorologiche per il 23 e 24 settembre in Piemonte!


03/05/2017 Aggiornate le elaborazioni dei GRADI GIORNO relativi al semestre ottobre 2016 / aprile 2017

21/04/2017 E' online l'ultimo video sulle condizioni nivo-valanghive in Piemonte con alcune raccomandazioni valide per le escursioni tardo primaverili


Tematismi » Clima » Rapporti di Analisi » Annuale
 

Rapporto climatico annuale

I rapporti presentati vengono realizzati una volta all'anno come sintesi delle principali caratteristiche climatiche e descrizioni di eventi di particolare rilievo emersi nel corso dell'annata appena conclusa.

 

L'analisi è condotta principalmente su temperatura, precipitazioni ed indicatori connessi ed è svolta sia su scala geografica regionale sia sulle singole località piemontesi, con maggior dettaglio riservato ai capoluoghi di provincia.

 

I dati utilizzati per effettuare il bilancio complessivo dell'annata climatologica, derivano in parte dall'analisi oggettiva su griglia ad alta risoluzione, in parte dai valori registrati dalla rete di stazioni di rilevamento in telemisura che copre in modo capillare l'intero territorio regionale, successivamente validati.

 

Le informazioni vengono raccolte, rielaborate e confrontate con gli andamenti osservati nel passato.

Il clima di riferimento per tutti i confronti è quello del trentennio 1971-2000, come da indicazioni IPCC 2007, salvo quando esplicitamente indicato.

 


ANNO 2016

L’anno 2016 in Piemonte è stato il 5° più caldo dell’intera serie storica di misure dal 1958 ad oggi, con un’anomalia di +1.3°C rispetto
alla climatologia del periodo 1971-2000.
Tutti i mesi dell’anno 2016 sono risultati superiori alla norma.
Nel 2016 sono caduti circa 1118 mm di precipitazione in Piemonte, con un surplus pluviometrico di 69 mm (pari al 7%) nei confronti della norma 1971-2000.
E’ da rimarcare l’evento alluvionale del 21-26 novembre 2016. In particolare il 24 novembre 2016 è risultato il terzo giorno più ricco di
precipitazioni dal 1958 ad oggi, superato di poco dal 4 novembre 1994 e, in maniera più netta, dal 15 ottobre 2000.

Per maggiori dettagli consultare "L'analisi meteo del 2016"

 

ANNO 2015

L’anno 2015 in Piemonte è stato il più caldo dell’intera serie storica di misure dal 1958 ad oggi, con un’anomalia di circa +1.9°C rispetto alla climatologia del periodo 1971-2000.
Spicca il mese di luglio, risultato quello con le temperature più elevate di tale serie storica, con un’anomalia termica di circa +3.9°C rispetto alla media climatica degli anni 1971-2000.
I valori di temperatura mediati su quel mese sono stati superiori anche a quelli registrati ad agosto 2003 che deteneva il primato di mese più caldo in assoluto dell’intera serie storica mensile; tuttavia in quell’occasione si verificarono dei picchi di temperatura massima superiori.
Un contributo rilevante all’anomalia termica positiva è stato dato anche dai mesi di novembre e dicembre, anch’essi al primo posto nelle rispettive distribuzioni storiche mensili.
L’annata si inserisce in un contesto globale di eccezionalità per quanto riguarda le temperature su tutto il pianeta: secondo il Rapporto Annuale della NOAA, il 2015 è stato l’anno più caldo degli ultimi 136 anni, con un’anomalia media di +0.9°C. Inoltre si è registrato un evento de El Nino tra i più forti mai osservati.
Nel 2015 sono caduti circa 924 mm di precipitazione in Piemonte, con un deficit pluviometrico di 128 mm (pari al 12%) nei confronti della norma 1971-2000, a causa della scarsità di pioggia caduta tra novembre e dicembre, mesi in cui nessuna giornata ha registrato una precipitazione media sulla regione superiore ai 5 mm.

 

ANNO 2014

L’anno 2014 in Piemonte è stato il secondo più caldo dopo il 2011 ed il terzo più piovoso (preceduto dal 1977 e dal 1960) nella serie storica degli anni compresi a partire dal 1958.
La precipitazione annua osservata sul territorio piemontese è stata di 1418 mm, superiore di circa 420 mm (pari al 40%) rispetto alla norma climatica 1971-2000.
Il contributo maggiore al cumulo annuo è stato fornito dalle pioggia caduta in Autunno, ovvero 513 mm; rilevante anche l’apporto dell’Estate mentre la Primavera (stagione climatologicamente più piovosa) è stato il periodo più povero di precipitazioni.   
Tra i singoli mesi Novembre 2014 è risultato non solo il mese di Novembre più piovoso, ma anche quello più ricco di precipitazione dell’intera serie storica mensile, superando i 368 mm di Ottobre 1976. Da notare anche come ad Ottobre 2014 si sono verificate piogge intense sull’Alessandrino, con l’eccezionale valore di 420.6 mm in 12 ore a Gavi (AL) il giorno 13.
L’anomalia positiva media di temperatura è stata di circa +1.4°C; grazie all’abbondanza di precipitazioni ed al conseguente numero di giorni nuvolosi l’anno 2014 è stato quello con le temperature minime più alte mentre si trova al quarto posto per i valori massimi. Solo una stagione estiva anomala, risultata la più fresca (e piovosa) dal 1997 ha impedito al 2014 di risultare il più caldo in assoluto degli ultimi 57 anni.

Per maggiori dettagli consultare "L'analisi meteo del 2014".

 

ANNO 2013

L’anno 2013 in Piemonte è stato più caldo e piovoso rispetto alla norma. La precipitazione annua osservata sul territorio piemontese è stata superiore di circa il 13% rispetto alla norma climatica, grazie soprattutto alle piogge primaverili, ponendo l’annata a livello del 55° percentile. L’anomalia positiva di temperatura è stata di circa +0.6°C. Oltre ad una primavera particolarmente piovosa, risalta il surplus pluviometrico pari al 122% del mese di Dicembre, risultato il terzo mese più umido dell’anno mentre, da un punto di vista del clima Piemontese, è solitamente quello più secco.

Per maggiori dettagli consultare "L'analisi meteo del 2013".

 

ANNO 2012

L’anno 2012 è stato in Piemonte il terzo più caldo degli ultimi 55 anni, con un’anomalia positiva media di 1.2°C, maggiormente accentuata nei valori massimi rispetto a quelli minimi. Il contributo principale è stato determinato dalle temperature del mese di Marzo, con uno scarto positivo medio di quasi 4°C. Rilevante anche l’anomalia di +1.9°C dei tre mesi estivi, che sono stati i più caldi dopo il 2003. Tuttavia, nella prima metà del mese di Febbraio, il Piemonte è stato interessato da un’eccezionale ondata di freddo, che ha determinato numerosi record storici negativi sulla regione. Le precipitazioni osservate sono state leggermente inferiori alla norma, con un deficit medio dell’8%. Non si sono verificati eventi pluviometrici eccezionalmente intensi.

Per approfondimenti consultare lo "Stato dell'ambiente in Piemonte 2013" e "L'analisi meteo del 2012".

 

ANNO 2011

L’anno 2011 è stato in Piemonte il più caldo degli ultimi 50 anni, con un’anomalia positiva media di 1.6 °C, maggiormente accentuata nei valori massimi rispetto a quelli minimi. In particolare nei mesi di Aprile ed Ottobre sono stati registrati numerosi record storici sulla regione e nei capoluoghi di provincia. Le precipitazioni osservate invece sono state essenzialmente nella norma, seppur concentrate in pochi episodi intensi. L’evento alluvionale di Novembre, infatti, ha contribuito quasi per intero all’apporto pluviometrico autunnale e, senza di esso, la cumulata annua sulla regione si sarebbe attestata ben al di sotto della norma climatica (circa il 30% in meno).

Per maggiori dettagli consultare il "Rapporto sullo stato dell'ambiente in Piemonte 2012" e "L'analisi meteo del 2011".

 

ANNO 2010

In controtendenza rispetto all'inizio del nuovo secolo, il 2010 è stato un anno "freddo" con un'anomalia negativa media di circa 1° rispetto ai riferimenti climatici. In particolare la parte meridionale del Piemonte ha registrato i valori più bassi mentre solo sulla fascia pedemontana nordoccidentale le temperature sono state in media o lievemente al di sopra. Al contrario, le precipitazioni osservate sono state ben al di sopra del clima di riferimento, con un eccesso di accumulo annuale mediamente attorno al 40%, registrato anche su tutti i capoluoghi di provincia. In particolare, la cumulata annua ha superato la sua soglia normale ad inizio maggio e si è mantenuta al di sopra del clima di riferimento in tutto il resto dell'anno.

Per maggiori dettagli consultare il "Rapporto sullo stato dell'ambiente in Piemonte 2011" e "L'analisi meteo del 2010".

 

ANNO 2009  -  ANNO 2008  -  ANNO 2007  -  ANNO 2006  -  ANNO 2005  -  ANNO 2004  -  ANNO 2003 .

Please edit the article text.