Centro funzionale
Notizie

19 settembre 2017 - Agosto 2017 secco e molto caldo
In Piemonte il mese di agosto 2017 è risultato il secondo più caldo dopo l'eccez...

15 settembre 2017 - Disponibili nuovi bilanci idrologici per i corsi d'acqua piemontesi
Dal mese di settembre sono disponibili i nuovi bilanci idrologici aggiornati al ...

14 settembre 2017 - Fine settimana perturbato. Il video per l’escursionista
Sarà un week-end all’insegna della variabilità, con nubi alternate a schiarite e...

14 settembre 2017 - Sisma Ischia: il piemontese "ERIKUS" utilizzato nel rilevamento dei danni
In occasione dell’evento sismico del 21 agosto scorso, che ha colpito l’isola di...

13 settembre 2017 - Temporali: previsione e prevenzione dei rischi
Quando l’unione fa la forza. Unione è la prima parola del Progetto URAMET – Unio...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web

Novità nel sito

08/09/2017 Disponibili gli ultimi aggiornamenti della Banca Dati Meteorologica e della Banca Dati Idrologica

14/09/2017 E' online il nuovo VIDEO aggiornato con le previsioni meteorologiche per il 16 e 17 settembre in Piemonte!


03/05/2017 Aggiornate le elaborazioni dei GRADI GIORNO relativi al semestre ottobre 2016 / aprile 2017

21/04/2017 E' online l'ultimo video sulle condizioni nivo-valanghive in Piemonte con alcune raccomandazioni valide per le escursioni tardo primaverili


Rischi » Vigilanza Meteo » Temperature » Anomalia termica
 

Previsioni di anomalia termica emesse il 20-09-2017

Prossimo aggiornamento: 21-09-2017 entro le ore 13

Confini zone di allerta
Confini zone di allerta
Approfondimenti
Classi di intensità di anomalia termica
 
Assente o debole
 
Moderata
 
Elevata
 
Dato non disponibile

20-09-2017

21-09-2017

22-09-2017

La previsione di anomalia termica si basa sul confronto tra la temperatura estrema prevista su ciascuna area di allertamento ed i valori medi climatologici di  temperatura minima e massima calcolati sul periodo di riferimento 1991-2005.

In particolare, da ottobre a marzo sono analizzate le condizioni di anomalia di freddo, prendendo in esame le temperature minime, mentre da aprile a settembre sono analizzate le condizioni di anomalia di caldo, valutando i valori massimi.

A seconda delle caratteristiche orografiche prevalenti in ciascuna zona di allerta sono individuate delle fasce altimetriche di riferimento su cui calcolare i valori di temperatura estrema. Inoltre, a seconda di quante deviazioni standard la temperatura estrema prevista si discosta dal valore climatico di riferimento, vengono identificate 3 classi di intensità:

 

Elevata in rosso.

Moderata evidenziata in giallo.

Assente o debole evidenziata in bianco.

 

La previsione è emessa ogni giorno entro le 13.