Centro funzionale
Notizie

21 luglio 2017 - Allerta gialla per temporali
Una profonda circolazione depressionaria avente il minimo sulle isole britannich...

20 luglio 2017 - Bel tempo nel weekend con instabilità pomeridiana. Il video per l’escursionista
Nel prossimo fine settimana sono attese condizioni prevalentemente soleggiate al...

20 luglio 2017 - Il Piemonte avvia la strategia regionale sui cambiamenti climatici
Guidare il territorio piemontese in un percorso organico e integrato, per ridurr...

13 luglio 2017 - Proliferazione di macrofite acquatiche nel tratto cittadino torinese del Po - Ritrovato il Myriophyllum aquaticum
Nelle acque del Po del tratto cittadino torinese, sono visibili in questi giorni...

13 luglio 2017 - Week-end di bel tempo. Il video per l’escursionista
Nel prossimo fine settimana sentiremo gli effetti benefici di correnti secche da...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web

Novità nel sito

20/07/2017 E' online il nuovo VIDEO aggiornato con le previsioni meteorologiche per il 22 e 23 luglio in Piemonte!


03/05/2017 Aggiornate le elaborazioni dei GRADI GIORNO relativi al semestre ottobre 2016 / aprile 2017

21/04/2017 E' online l'ultimo video sulle condizioni nivo-valanghive in Piemonte con alcune raccomandazioni valide per le escursioni tardo primaverili

23/12/2016 Sono consultabili da oggi i dati osservati degli Indici UV misurati a Pallanza(VB) e Sestriere (TO)


Approfondimenti » Vigilanza Meteo » Fenomeni meteo » Pioggia
 

Pioggia

Tra le variabili meteorologiche la precipitazione a carattere piovoso o nevoso, insieme al limite di quota in cui si ha la trasformazione della precipitazione tra i due stati, è senza dubbio la variabile meteorologica che ha il maggiore impatto nella genesi delle situazioni di potenziale pericolo di tipo idrogeologico e nivologico.
I fenomeni alluvionali con esondazione di bacini idrografici di media ed ampia superficie sono normalmente determinati da piogge intense e persistenti mentre i processi di versante e gli allagamenti in prossimità di piccoli torrenti e rii sono frequentemente innescati da fenomeni  temporaleschi di breve durata ma di notevole intensità, talvolta accompagnati da grandine.
Nelle zone in cui le piogge sono frequenti il terreno possiede una maggiore capacità di assorbimento delle precipitazioni e pertanto le soglie di innesco risultano più alte rispetto ad un’area abitualmente meno interessata da piogge.

 

La pioggia viene espressa in classi di intensità:

 

Scale di piovosità
Intensità della pioggiamm/6hmm/12hmm/24hmm/36h
Debole 0÷5 0÷10 0÷15 0÷18
Moderata 5÷15 10÷30 15÷45 18÷54
Forte 15÷30 30÷60 45÷90 54÷108
Molto Forte >30 >60 >90 >108

 

 

Nel quadro di sintesi dei pericoli meteo per ciascuna delle 11 zone di allerta viene colorata l'area sulla base della pioggia prevista nelle 36 ore di validità dell'allerta mentre i fenomeni sono espressi dalle icone.

E' possibile anche vedere la quantità di precipitazione massima e media (pioggia o neve) prevista ogni 6 ore su ogni area

Precipitazioni ogni 6 h