Centro funzionale
Notizie

7 dicembre 2016 - Ponte dell’Immacolata con sole in montagna e nebbie in pianura
L’alta pressione estesa dalle coste atlantiche del Marocco all’Europa centrale g...

5 dicembre 2016 - Pubblicato il rapporto Uno sguardo all'aria 2015
Come ogni anno è stato pubblicato il rapporto Uno sguardo all’aria - 2015 curato...

2 dicembre 2016 - Evento alluvionale 21-26 novembre 2016 – Pubblicato il rapporto preliminare
E' disponibile l’inquadramento meteorologico ed idrologico preliminare dell’even...

2 dicembre 2016 - Riprende oggi il video sulla condizione della neve e pericolo valanghe
Riprende il consueto appuntamento dedicato agli amanti della montagna, con la pr...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web

Novità nel sito

07/12/2016 E' online il nuovo VIDEO aggiornato con le previsioni meteorologiche per il lungo ponte dell'Immacolata col fine settimana del 10-11 dicembre 2016 in Piemonte!


02/12/2016 E' online il nuovo video sulle condizioni nivo-valanghive per il week-end del 3-4 dicembre 2016 in Piemonte!


26/10/2016 E' disponibile il Rendiconto Nivometrico stagione 2015-2016 e la nuova infografica sulla stagione invernale 2015-2016


30/06/2016 E' disponibile l'ultimo aggiornamento della "Banca dati Idrologica" .

01/10/2015 In scarico gli SHP file delle "Zone di allerta" .

25/05/2015 Sono consultabili le elaborazioni dei Gradi Giorno relativi all'ultima stagione invernale.


Approfondimenti » Meteo » Strumenti di osservazione
 

Il monitoraggio delle condizioni atmosferiche avviene attraverso strumenti di misura convenzionali (rete di stazioni di misura a terra, anche con l’utilizzo di sensori innovativi, radiosondaggi, misure da aereo, da nave, da boe…) e non (satelliti, radar meteorologici, windprofiler, profilatori di temperatura…). Anche l'utilizzo di stazioni portatili è importante perchè consente l'effettuazione di campagne di misura specifiche. L’analisi integrata dei dati misurati rappresenta uno dei temi fondamentali delle attività di meteorologia, perché consente di fare una “fotografia” delle condizioni dell’atmosfera, a partire dalle quali, con l’ausilio di modelli meteorologici e basandosi sulle proprie conoscenze ed esperienze, il meteorologo formula le previsioni per i giorni successivi. Il monitoraggio è indispensabile anche per le attività di sorveglianza dei fenomeni intensi e per la previsione a brevissimo termine della loro evoluzione.