Tour città amianto zero, la tappa di Monfalcone

20 giugno 2017

Il progetto del tour, nato da un'idea dell'Anci e coordinato da Arpa Piemonte con il supporto del Sistema nazionale per la protezione dell'ambiente è un viaggio a tappe nelle città maggiormente colpite dal problema dell'amianto. Partito da Casale Monferrato, luogo simbolo per la presenza del maggior stabilimento europeo per la produzione dell'Eternit, ha fatto tappa il 19 giugno a Monfalcone. 

L'incontro è stato articolato in due sessioni:


La galleria fotografica

Angelo Robotto, direttore generale di Arpa Piemonte, ha spiegato che l'obiettivo del progetto sia "fare un viaggio attraverso l'Italia e offrire delle giornate di formazione, informazione e approfondimento per presentare e raccogliere le esperienze più significative in modo che possano diventare un vademecum operativo per i Sindaci e le Regioni".

L'assessore regionale all'Ambiente del Friuli Venezia Giulia, Sara Vito, ha ricordato come l'amianto sia al centro delle iniziative della Giunta regionale che ha sempre considerato sia gli aspetti sanitari sia quelli ambientali. "Serve promuovere - ha evidenziato Vito - momenti di conoscenza e anche azioni di bonifica. Su questo fronte la Regione si è fortemente impegnata con tre linee contributive, rivolte non più solo ai Comuni ma, da quest'anno, anche direttamente ai cittadini ed alle aziende private che potranno accedere a finanziamenti per rimuovere l'amianto nei loro fabbricati".

L'importanza della manifestazione odierna per la città dei cantieri è stata ricordata dal sindaco, Anna Maria Cisint, che ha precisato come "l'adesione della città di Monfalcone al progetto non poteva essere che totale, tanto che nel nuovo museo della cantieristica, inaugurato sabato scorso, abbiamo voluto dedicare una sala all'amianto". "Una piaga per la città - l'ha definita Cisint - perché le malattie correlate e le morti non sono ancora giunte all'apice e molte famiglie continuano a subirne le conseguenze. La tappa del Tour Città Zero amianto - ha quindi sottolineato - è una giornata di svolta perché bisogna guardare al futuro e ragionare sulla prevenzione e sulla formazione".

Il Sindaco di Casale Monferrato, Titti Palazzetti ha raccontato come "l’esperienza della bonifica di Casale Monferrato è molto forte e ha una caratteristica che forse la rende unica in quanto non è gestita solamente dall’amministrazione ma da tutta la città che è molto sensibilizzata sul problema e fa pressione perché la bonifica avvenga. Per il Sindaco è un dovere morale, etico sostenuto e richiesto dai cittadini per salvaguardare la loro salute e soprattutto quella dei cittadini che verranno".

Per l’Arpa del Friuli Venezia Giulia è intervenuto Glauco Spanghero, che ha illustrato le attività sull’amianto condotte dalla locale Agenzia per l’ambiente. In particolare, Spanghero ha presentato le attività di telerilevamento delle coperture contenenti amianto (nella foto un esemio di mappa telerilevata) e quelle di monitoraggio ambientale outdoor delle fibre aerodisperse. 
Quest’ultima attività è forse quella più caratteristica e innovativa. Arpa FVG ha attivato, infatti, nel 2016 un innovativo percorso di monitoraggio ambientale delle fibre di amianto aerodisperse, effettuando una serie di campionamenti a partire dalla provincia di Trieste. Questi monitoraggi sono effettuati autonomamente da Arpa FVG, sia per quanto riguarda la fase di campionamento, sia per le successive analisi delle fibre di amianto in microscopia elettronica a scansione (SEM). I monitoraggi sono iniziati nel 2016 nei comuni di Trieste e Sgonico e nell’area portuale triestina. Nel 2017 Arpa FVG prevede d’effettuare almeno 80 monitoraggi, estendendo l’area d'azione alla provincia di Gorizia.

Per un approfondimento di quanto emerso durante l'incontro si rimanda al sito della Regione Friuli Venezia Giulia.

Si pubblicano di seguito le slide degli interventi:

archiviato sotto: , , , ,
Archivio Notizie

2017

2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it