Alternanza scuola-lavoro


Quanti studenti può ospitare Arpa?

 Arpa può ospitare 20 studenti, secondo la seguente ripartizione:

- 10 presso le sedi presenti nel territorio della Provincia di Torino;
- 4 presso le sedi afferenti ai territori delle province di Biella, Novara, Vercelli e VCO;
- 4 presso le sedi afferenti ai territori delle province di Alessandria e Asti;
- 2 presso le sedi afferenti al territorio della provincia di Cuneo.

 

Definizioni

  • Studenti: gli iscritti al triennio finale delle scuole superiori piemontesi (istituti tecnici professionali e licei)
  • Soggetto ospitante: Arpa Piemonte
  • Dipartimento affari amministrativi e personale:  è la struttura organizzativa di Arpa Piemonte cui compete la gestione amministrativa delle procedure relative ai tirocini di alternanza scuola-lavoro 
  • Soggetti promotori: le scuole, che abbiano preventivamente stipulato una convenzione con Arpa Piemonte
  • Patto formativo: documento in cui il tirocinante si impegna a rispettare determinati obblighi.

 

 Procedura di attivazione del tirocini

  • Le domande pervenute dagli istituti scolastici verranno evase secondo un criterio cronologico, procedendo alla costante saturazione dei posti attraverso apposite graduatorie. Le domande di attivazione e tutte le comunicazioni successive devono essere trasmesse all’indirizzo formazione@arpa.piemonte.it e riportare l’oggetto: “alternanza scuola-lavoro”.
  • Successivamente il Dipartimento affari amministrativi e personale provvederà ad informare l’istituzione scolastica collocata in graduatoria invitandola a trasmettere all’Agenzia formale proposta di convenzionamento, con relativo “patto formativo studente”, di cui rispettivamente agli allegati “B” e “C” della “Guida operativa sulle attività di alternanza scuola-lavoro” emanata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca in data 8 ottobre 2015. Non potrà essere dato corso ai percorsi di alternanza scuola-lavoro del tirocinio in assenza della convenzione.
  • Il Dipartimento affari amministrativi e personale provvede alla stipula della proposta di convenzione presentata dall’istituzione scolastica richiedente e la inoltra alla struttura ospitante unitamente alla bozza del “patto formativo studente”.
  • Il “patto formativo studente” dovrà essere siglato dal Responsabile della struttura ospitante ed inviato all’istituzione scolastica, la quale dovrà perfezionare il documento acquisendo le firme dell’incaricato a rappresentare il Soggetto promotore, dello studente e, qualora necessario, del soggetto esercente la potestà genitoriale. Una copia del “patto formativo studente” è restituita al Dipartimento affari amministrativi e personale, il quale ne invia copia alla Struttura organizzativa ospitante.
  • La Struttura organizzativa che acquisisce copia del “patto formativo studente” è autorizzata ad attivare il tirocinio tramite determinazione dirigenziale riportante in allegato il “patto formativo studente” sottoscritto da tutte le parti.  La determinazione è inviata al Dipartimento affari amministrativi e personale e al RSPP di Arpa Piemonte. A seguito dell’approvazione dell’atto di cui al comma precedente il tirocinio viene attivato.

 

 Durata e orario del tirocinio alternanza scuola-lavoro

Il tirocinio di alternanza scuola-lavoro ha durata complessiva, distribuita sul triennio finale dei corsi di studio, pari a 400 ore per gli istituti tecnici e a 200 ore per i licei.

Nell'ambito dell'organizzazione delle attività, disposta dal Responsabile della Struttura ospitante, la presenza del tirocinante è concordata e programmata direttamente con il Responsabile stesso.

 

 Coperture assicurativa

La scuola  assicura il tirocinante contro gli infortuni sul lavoro presso l’INAIL e per la responsabilità civile presso compagnie assicurative operanti nel settore. I riferimenti delle polizze devono essere indicati nel “patto formativo studente” e riportati  nel provvedimento di attivazione del tirocinio. La copertura assicurativa deve comprendere anche l’eventuale attività fuori sede, se prevista dal progetto di tirocinio.

 

Svolgimento del tirocinio

  • La frequenza del tirocinante deve sempre avvenire alla compresenza di almeno un dipendente della Struttura ospitante.
  • Durante lo svolgimento del tirocinio l’attività di formazione è seguita e verificata dal tutor scolastico in veste di Responsabile didattico - organizzativo e dal tutor aziendale.
  • Lo svolgimento del tirocinio sarà attestato dal tutor aziendale su apposito registro di rilevamento delle presenze.

 

Attività fuori sede

  • Il tirocinante può svolgere attività fuori sede solo se previsto nel Patto formativo e deve essere autorizzata e seguita dal tutor aziendale, il quale provvede ad annotarla sul registro presenze.
  • Il tirocinante non è autorizzato a guidare gli automezzi dell’Agenzia, ma può essere trasportato sugli stessi.

 

Il tirocinante è tenuto a:

  • rispettare rigorosamente gli orari stabiliti dalla struttura ospitante per lo svolgimento delle attività di alternanza scuola- lavoro; 
  • seguire le indicazioni dei tutor e fare riferimento ad essi per qualsiasi esigenza o evenienza;
  • avvisare tempestivamente sia la struttura ospitante che l’istituzione scolastica se impossibilitato a recarsi nel luogo del tirocinio;
  • presentare idonea certificazione in caso di malattia;
  • tenere un comportamento rispettoso nei riguardi di tutte le persone con le quali verrà a contatto presso la struttura ospitante;
  • completare, in tutte le sue parti, l'apposito registro di presenza presso la struttura ospitante;
  • comunicare tempestivamente e preventivamente al coordinatore del corso eventuali trasferte al di fuori della sede di svolgimento delle attività di alternanza scuola-lavoro per fiere, visite presso altre strutture del gruppo della struttura ospitante ecc...;
  • raggiungere autonomamente la sede del soggetto ospitante in cui si svolgerà l’attività di alternanza scuola-lavoro;
  • adottare per tutta la durata delle attività di alternanza le norme comportamentali previste dalla disciplina contrattuale;  
  • osservare gli orari e i regolamenti interni dell'azienda, le norme antinfortunistiche, sulla sicurezza e quelle in materia di privacy.

 

In caso di Interruzione temporanea 

Per malattia o particolari motivi personali e/o familiari è contemplata la possibilità di prolungamento del tirocinio, con eventuale recupero delle assenze, adeguatamente motivate, sempre nel rispetto della durata massima prevista.

In questi casi la Struttura ospitante di Arpa informa l’Istituzione scolastica con richiesta di prolungamento della copertura assicurativa per i giorni di recupero.

Il tirocinio potrà proseguire oltre il periodo indicato dal “patto formativo studente” a seguito di documentata comunicazione di prolungamento della copertura assicurativa.

 

Casi di interruzione definitiva

Il tirocinio può interrompersi in qualsiasi momento a seguito di preventiva ed espressa richiesta scritta del tirocinante indirizzata al Responsabile della Struttura ospitante e all’Istituzione scolastica di appartenenza.

In caso di comportamento lesivo del tirocinante di diritti o interessi del Soggetto ospitante ovvero nel caso in cui il tirocinante non osservi le disposizioni, la Struttura ospitante potrà interrompere lo svolgimento del tirocinio, dandone comunicazione al tirocinante e al Soggetto promotore (Istituzione scolastica di appartenenza)

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it