Approfondimenti sui campi a bassa frequenza

 

I campi elettrici e magnetici generati da linee di trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica, dagli elettrodomestici e da tutti quegli apparati che per funzionare sfruttano una corrente alternata a bassa frequenza dipendono rispettivamente dalla tensione a cui si trova l'apparato (il campo elettrico) e dalla corrente che vi passa (il campo magnetico).

Ad esempio in casa si usano apparati che funzionano ad una tensione di 220Volts (bassa tensione) e che generano campi elettrici molto deboli, e campi magnetici che, in funzione della quantità di corrente che fluisce nell'apparato, possono essere più o meno elevati.

La trasmissione dell'energia elettrica avviene invece tramite linee ad alta tensione (fino a 380.000 Volts), che quindi generano campi elettrici molto più intensi. Anche in questo caso i livelli di campo magnetico possono comunque variare in un grande intervallo di valori, a seconda della quantità di corrente che fluisce nella linea, che è a sua volta legata ai consumi energetici (variabili durante la giornata e durante l'anno).

E' importante sapere che, qualunque sia la sorgente con cui abbiamo a che fare, L'INTENSITA' DEI CAMPI ELETTRICO E MAGNETICO DIMINUISCE CON LA DISTANZA (più o meno rapidamente a seconda delle caratteristiche della sorgente stessa).

L'unità di misura del campo elettrico è il Volt/metro (V/m), quella del campo magnetico il microTesla (µT)

 

Quali valori si possono misurare?

Che effetti hanno sull'uomo e come viene tutelata la salute umana?

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it